Thursday, October 16, 2014

#PRINCIPESSEDISNEY

Travate la hashtag per questa frase pronunciata da mia figlia ieri sera.
Riporto verbatim:

" Non mi sposero' mai: primo perche' fa schifo, secondo perche' fa male quando hai dei bambini. Il problema e' che saro' sempre sola visto che voi sarete tutti morti...."
 Vi lascio scegliere una hashtag appropriata. Io sono indecisa tra #PrincipesseDisney e #ZombieApocalisse . Aiutatemi anche con farina del vostro sacco.


Lunedi abbiamo festeggiato il suo sesto compleanno. Le sarebbe piaciuto un compleanno a tema #Frozen. E' stata accontentata.
L'abbiamo portata in campeggio sulla costa. A volte siamo prorpio bastarsi.

Il faro di Point Reyes, California.
Comunque e' stata scongelata eventualmente.

Io invece, dopo le profezie di morte imminente, inizio a non sentirmi troppo bene.




#DISNEYPRINCESSES

Find the hashtag for this sentence pronounced by my 6 years old.
I report verbatim:

"I will never marry: first because it's gross; second because it's painful when you have a baby. Problem is I will be all alone, since you'll be all dead...."

I will let you pick the hasgtag for this sentence. I am thorn between  #DisneyPrincess or #ZombieApocalypse. Please feel free to add your own.

On Monday we threw the girl a #Frozen Birthday Party. We took her camping. On the coast.

 


Sometimes we can't help being quite literal.

Point Reyes Lighthouse, California.
The birthday girl was thawed eventually.

I , on the other hand, with this impending death prophecy, I am not feeling too well.

Thursday, May 22, 2014

MAMASPICE 'S DIARY

"I never think of the future. It comes soon enough."Albert Einstein


In a little over a week school will be over.   These past twelve months really flew by. They slipped through my fingers like our goldfish Sushi (may he rest in peace).

These are my checks and balances.
" Begin at the beginning and go on till you come to an end, then stop" Lewis Carroll


Visits to the hairdresser, zero.  Visits to the butcher/cheesemonger 115.
Pair of socks purchased in a year, 40. Number of socks accounted for this morning, 15.
Pair of shoes gone missing, 3. Pair of shoes recovered, 3. Not the same ones.
Days spent planning a trip to Italy 300. Day spent on a trip in Italy, zero.
Cheap flights to Italy booked, one.
Cheap flights to Italy cancelled by the Italian Antitrust Authority, one.
Trucks that got stolen, one. Trucks that were recovered by the Sheriff of Marin, one.
iPhones that got stolen, one. iPhones tracked down and made to return, one.
Criminal gangs delivered to the justice system, almost one (the police would not collect fingerprints from the iPhone's case later found in the bushes outside the Panda Express).
Hours spent believing I have a chance of running The No.1 Ladie's Detective Agency, countless.
Heterosexual friends turned homosexual, one. Homosexual friends turned heterosexual, one.
School applications submitted, 3. Schools placement letters received, 2.
Placement letters lost forever, one.
Children who will be enrolled in a Chinese immersion school, one.
Children who will get no help whatsoever doing their homework, one.
Animals adopted in the last 12 months, 3.
Animals that tried to run away, one (Houdini the Turtle).
Animals that tried to commit suicide and succeeded, one (we miss you Sushi).
Teenage daughters, 2.
Daughters under 13 years of age, that act like teenagers, 2.
Most repeated sentences by others: -What's for dinner?-
Most repeated sentences by me: - What do you mean what's for dinner? We just ate!!!!!- and also
-What do you mean what's for dinner? it's seven in the morning!!!!!-

"Life is what happens while you are busy making other plans" John Lennon








Wednesday, May 21, 2014

I DIARI DI MAMASPICE

"Non penso mai al futuro, arriva cosi' presto" Albert Einstein
Tra una settimana la scuola sara' finita mentre sembrava ieri che mi lamentavo del suo inizio.
Un battito di ciglia e dodici mesi sono volati. Mi sono scivolati di mano come Sushi il pesce rosso (riposi in pace).
Ma partiamo dall'inizio. Da circa 12 mesi fa, quando il futuro mi sembrava piu' rose' che roseo, e l'unica cosa certa erano le incertezze.


Questo e' piu' o meno il  bilancio.


Visite dal parrucchiere zero. Visite dal salumiere 115.
Calzini comprati durante l'anno 40 paia.  Calzini all'appello questa mattina 15 (divisi per 4 ).
Scarpe smarrite 3 paia. Scarpe ritrovate 3 paia. Mai le stesse.
Giorni passati a progettare le vacanze in Italia, piu' di 300. Giorni trascorsi in vacanza in Italia zero.
Voli a buon mercato trovati, uno. Voli cancellati dal T.A.R. uno.
Macchine a noi rubate una. Macchine ritrovate dallo sceriffo della contea di Marin 4 giorni dopo, una.
Telefoni rubati, uno. Telefoni rintracciati, inseguiti e fatti restituire a suon di minacce, uno.
Bande criminali della contea di Marin quasi consegnate alla legge, una (La banda del Panda Express).
Ore trascorse a sentirsi "Precious Ramotswe, la detective n. 1 del Botswana" 72 (ma il conteggio non finisce qui).
Amiche eterosessuali diventate lesbiche, una. Amiche lesbiche diventate etero, una.
Domande di iscrizione per scuola elementare, media e superiore 3. Lettere di accettazione ricevute 2 (per le scuole sbagliate). Lettere smarrite e mai pervenute, una.
Figlie che inizieranno una scuola monolingua cinese, una. Figlie che faranno i compiti da sole per il resto della propria carriera, una.
Animali adottati da un anno a questa parte 3. Animali che hanno tentato la fuga, uno (Houdini la tartaruga). Animali che hanno tentato il suicidio e ci sono riusciti, uno (Sushi il pesce rosso).
Figlie adolescenti 2. Figlie al di sotto dei 13 anni, che si comportano da adolescenti 2 .
Frasi piu' sentite in casa : - Cosa mangiamo per cena?- 
Frasi piu' ripetute da me: -Abbiamo appena cenato- , ma anche :- Come cosa si mangia per cena? Sono le sette di mattina!!!!-



"La vita è qualcosa che succede mentre uno è occupato a fare altre cose". John Lennon

da PensieriParole <http://www.pensieriparole.it/aforismi/vita/frase-45834?f=a:520>












Monday, March 10, 2014

THE GREAT BEAUTY


I watched this movie three times before I could figure out whether I loved it or hated it.
The jury is still out.
It's not the first time I feel this contradiction, but it's the first time it does not involve a relationship with a man.

How then will I go about to convince you to watch this movie, being fully aware that you might curse me later?
I am willing to take a chance.
Just in case, here are some disclosure, so you'll know what you are getting into.


Reasons to watch The Great Beauty.

#1 The Soundtrack.

Would you put Georges Bizet, Annie Lennox, David Lang, Henryk Mikolaj Gorecki,  Arvo Part and El Gato DJ not just in the same sentence, but in the same movie. If only for this deliberate act of profanity, the director Paolo Sorrentino, should have been awarded not only the Oscar but also a Grammy.


#2 The Stage Design.

Keep this in mind: you will never again see a most stunning portrait of Rome. Ever.
Also, you will never see Rome more deserted.
Rome is usually crawling with humanity.
Not in this movie. Enjoy.


#3 The Costume Design.

Whether he is going to a funeral or to a strip club, NOBODY dresses better than an Italian man.
This is a fact. Deal with it.
In the United States, for instance, a man wearing a red suit better be riding a sleigh carried by reindeers.


#4 Fellini 2.0

If you are a fan of Federico Fellini you should not have any problem viewing The Great Beauty. You are probably familiar with grotesque, burlesque, religious iconography, caricature  and apparent nonsense (only apparent).
If this is the case, you are going to feel right at home.


Director Paolo Sorrentino is depicting a society of narcissists where the young are sick or dying and the aging survivors, are left with only memories and unanswered questions.

The lymph is drying, the embers are cooling off. How long is The Great Beauty going to last?

Mamaspice rating: two thumbs up and two ulcers (for Italians). Two thumbs up for all other viewers.








Wednesday, March 5, 2014

LA GRANDE BELLEZZA



Tre volte l'ho visto e tre volte l'ho rinnegato.
Finalmente, folgorata sulla via di Damasco ho capito il perché. Si può amare e odiare un film allo stesso tempo?
Secondo me si può e, in questo caso, si deve.
Le cose che ho amato de La Grande Bellezza:
  1. La colonna sonora
Ce li avreste mai messi George Bizet, David Lang, Raffaella Carra', Vladimir Martynov, Gorecki ed El Gato DJ, non dico solo nella stessa frase, ma nello stesso film? Il vero talento di Sorrentino si eprime soprattutto in queste scelte e, per questo, non doveva vincere solo l'Oscar ma pure un Grammy. 
(E poi El Gato DJ e' un mio caro amico e guai a chi me lo tocca)

     2.  Le scene.

Mai si e' vista una Roma piu' bella o più deserta.
Roma palco sublime per pochi personaggi in cerca d'autore.
Non ti conosco bene, ma adesso, più' che mai, Roma ti amo. 

    3. I costumi.

Che si trovi ad un funerale o in un postribolo, nessuno si veste meglio dell'uomo italiano. Punto.
Se io incrociassi un signore con una giacca rossa negli Stati Uniti, mi guarderei  subito attorno per vedere dove ha parcheggiato la slitta con le renne.



Ringrazio Sorrentino per aver messo a nudo un paese di narcisisti in cui i giovani sono malati e muoiono e, ai sopravvissuti (anziani), rimangono solo i ricordi. La linfa si estingue, il fuoco si spegne, la Bellezza quanto durerà ancora?
Questa constatazione non mi  ha ne' sorpreso ne' offesa.

Quello che mi ha lasciato un po' di amaro in bocca e' qualcos'altro.
E so anche di non essere l'unica ad aver provato disagio al termine della proiezione.

Nel mio caso, il fastidio e' dovuto alla totale mancanza di umanita' nei personaggi. L'effetto, anche se sicuramente voluto, ha un risultato inquietante.
Se in un film cercate la ciccia, il sangue, gli umori e le grandi piccolezze della vita vera, qui non li troverete. Mettetevi il cuore in pace. Va bene cosi'.

Un'ultima cosa. Io piu' che un Fellini Secondo avrei preferito un Sorrentino Primo.


Vi ricordo che a tutt'oggi Mamaspice ha criticato un sacco di film e ne ha diretti ZERO. Ci sara' un motivo.





















Saturday, January 11, 2014

CONFESSIONI DI UNA MAMMA DI UN TERZINO


Sei la mamma di un calciatore quando:

  • Il vestito della domenica e' un'uniforme.
  • Vai in giro con parastinchi nella borsetta.
  • Fai i pic-nic con i guardalinee.
  • Esulti al momento sbagliato, per la squadra sbagliata.
  • Ti perdi le azioni migliori, ma non ti perdi un pettegolezzo.
  • Le dita rotte di tua figlia, non si contano nemmeno piu' sulla punta delle dita.
  • Hai sempre troppo freddo, o troppo caldo, alle partite.
  • Finito l'allenamento, dai un passaggio alla squadra, a patto che tengano i piedi fuori dal finestrino.
  •  Per capire il fuori gioco ti rifai a questa metafora: "Se sei oltre l'ultima cassa, ti lancio un paio di scarpe e tu vai alla porta, l'allarme fischia".
  • Vuoi che la squadra vinca ma sei contenta quando imparano a perdere.
  •  Rimani un po' allibita quando tua figlia ti prega di comprarle un paio di scarpe coi tacchetti, invece che coi tacchi (e per quanto ti dia fastidio ammetterlo, sai che e' la scelta giusta).